Dalla collezione Farnese a quella egizia, passando per statue greche e romane. Il MANN ha un percorso museale unico al mondo.

Storia

Fondato nel 1777 per volontà di Ferdinando III di Borbone, il museo è uno dei più antichi d’Europa e vanta un’amplissima collezione unica al mondo: la sua formazione si lega infatti alla scoperta, avvenuta verso la metà del Settecento, delle due città vesuviane di Pompei ed Ercolano, sepolte dalla lava dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e rimaste nascoste per secoli. La scoperta avvenne sotto il re Carlo III di Borbone il quale per primo promosse l’esplorazione archeologica nei due siti.

hercole_farnese_museo_archeologico_sangennaroedintorni

Oltre ai materiali provenienti dagli scavi, Carlo III acquisì la collezione Farnese, eredità della madre Elisabetta Farnese, cospicua collezione di opere d’arte dell’antichità provenienti principalmente da Roma.

Le  collezioni

Tra le sue collezioni, la Collezione Farnese è senza dubbio tra le più spettacolari raccolte d’arte antica del mondo. Essa comprende autentici capolavori, tra cui si segnalano: l’Ercole Farnese, che rappresenta l’eroe in piedi appoggiato alla sua clava e alla pelle di leone, il volto barbato e la muscolatura imponente; il Toro Farnese, un gruppo scultoreo colossale; la Venere Callipigia, che rappresenta la dea della bellezza di spalle, in modo da mostrare le natiche scoperte; la collezione di gemme tra cui la Tazza Farnese, in agata sardonica, la più grande gemma incisa nota dell’antichità.

busti_romani_museo_archeologico_sangennaroedintorni

La collezione epigrafica è dedicata principalmente alle iscrizioni preromane dell’Italia centro-meridionale ed è una raccolta ricchissima di documenti che seppur meno spettacolari di altri oggetti dell’antichità, sono comunque fondamentali per la nostra conoscenza del passato.

La collezione numismatica, invece, è dedicata alle monete dell’antichità. Un cospicuo numero proviene dalla collezione Farnese, ma moltissime provengono dagli scavi di Pompei e illustrano così la vita economica della città attraverso gli scambi monetali.

toro_farnese_museo_archeologico_sangennaroedintorni.itvilla_dei_papiri_museo_archeologico_sangennaroedintorni.itvilla_dei_papiri_2_museo_archeologico_sangennaroedintorni.it

La collezione della Villa dei Papiri è dedicata alle opere di scultura in bronzo e marmo che costituivano l’arredo di questo splendido edificio, noto al mondo intero per i suoi affreschi, scoperto e scavato tra il 1750 e il 1761 attraverso cunicoli realizzati nei banchi di lava. Da qui proviene ad esempio il noto gruppo scultoreo dei Corridori, in bronzo.

Un museo unico

Il percorso museale, davvero molto ampio, ha sezioni dedicate alle sculture greco-romane provenienti dalla Campania antica; nel Gabinetto Segreto si trovano alcune preziose opere di arte antica, come la piccola statuetta di Venere in bikini che raffigura la dea mentre si slaccia un sandalo, in marmo e con capelli e vesti rifinite in oro; una collezione di pitture provenienti da Pompei a tema erotico. Il museo ospita anche il plastico di Pompei in scala 1:100 nel quale sono riprodotti tutti i monumenti, le domus e le strade della città romana antica documentando così gli scavi condotti nella città dall’età borbonica fino al secondo dopoguerra.

venere_in_bikini_museo_archeologico_sangennaroedintorni.itcollezione_romana_museo_archeologico_sangennaroedintorni.itcollezione_egizia_museo_archeologico_sangennaroedintorni.it

Infine, si segnala la recente apertura della sezione egizia del museo: espone statue, papiri, sarcofagi, acquisiti dal Museo nel corso del tempo e finalmente esposti al pubblico. Derivata dalla collezione del cardinale Stefano Borgia (fine Settecento) e arrichitasi con la collezione Picchianti (Ottocento), espone anche oggetti egizi o egittizzanti provenienti da Pompei e da altri siti di età romana dell’area vesuviana. La passione per l’Egitto è molto antica e risale addirittura all’età romana: culti egizi come quello di Iside e Serapide si diffusero anche nel mondo romano e sono molto ben documentati a Pompei.

Come raggiungerci

Piazza Museo, 19 – 80135 Napoli

Metro Linea 1 – Fermata Museo
A piedi 130 m, 2 minuti

Metro Linea 2 – Fermata Piazza Cavour
A piedi 502 m, 7 minuti

Orario e prezzi

Tutti i giorni dalle 9.00 – 19.30

Intero = € 12.00
Ridotto = € 6.00
Ingresso serale = € 2.00

Summary
Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Article Name
Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Dalla collezione Farnese a quella egizia, passando per statue greche e romane. Il MANN ha un percorso museale unico al mondo.
Dintorni
Author
Publisher Name
Overall Media
Publisher Logo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta sempre aggiornato sugli eventi del Centro Storico di Napoli

Complimenti! Ti sei iscritto alla Nostra Newsletter